Saturno Magazine, Articolo: PARK HYO SHIN

PARK HYO SHIN

Tra le voci più belle della musica internazionale PARK HYO SHIN Di Francesca Gallelo Gabriel Italo Nel Gòmez Il suo punto forte? Sicuramente la bravura, la sua voce melodiosa e i testi delle canzoni che riescono, per contenuto, ad emozionare fino a far piangere l’anima, ma a questa è unito il garbo, la delicatezza del suo essere armonioso che lo rende unico e speciale. (Accompagnato al pianoforte da un giovane pianista dal grande talento, del quale parleremo in un prossimo articolo). Difficilmente scrivo di cantanti, il mio genere musicale è quello di vecchi album ingialliti dal tempo ma che hanno fatto la storia della musica internazionale quali Aretha Franklin, Ray Charles, Luis Armstrong, Otis Redding, Fhil Collins, Berry White, Ella Fitzgerald, Morricone e altri pochi che hanno uno spazio speciale nel mio cuore, Park Hyo Shin è sicuramente degno di far parte di questa lista di GRANDI della mucica. Nella rivista Saturno, è il primo articolo che dedico ad un cantante, lo faccio perché Park Hyo Shin è un Grande artista e lo merita, sono, quindi, ben felice di iniziare a farlo parlando di lui, con la speranza di poter un giorno fargli un’intervista e ascoltarlo dal vivo. Ma conosciamolo meglio, Park Hyo Shin è nato il 1 Dicembre del 1981, a Chungcheongnam-Do Yesan cantante di ballate e melodico, attore di teatro musicale sudcoreano, famoso per la sua voce emozionante. Il suo primo debutto è nel 1999, con testi molto belli e di successo quali “Things I Cannot Do For You” “Ba-Bo”, “Dong-Kyung”, “Good Person” ma quella più venduta e quella che mi ha fortemente emozionata è “WILD FLOWER” (dove parla del suo tumulto emotivo attraverso la metafora di un fiore) uno dei singoli più venduti in Corea del Sud. Ma stupenda è anche “The Day” che è tra le canzoni che sicuramente ha reso il bellissimo drama Mr. Sunshine, ancora più emozionante. Ha iniziato a cantare giovanissimo nel ristorante di famiglia dove in tanti andavano proprio per ascoltarlo. Ma al liceo ha deciso che cantare sarebbe stata la sua professione. Dopo diverse peripezie, lavoro, impegno e sacrifici, nel novembre del 1999 fa il suo primo debutto in una stazione radiofonica e poi a dicembre esce il suo primo album “Cose che non posso fare per te” che contiene al suo interno la canzone dallo stesso titolo. Arriva sotto la luce dei riflettori nazionali quando partecipa ad uno spettacolo televisivo della KBS, la sua popolarità ha così una salita notevole, dove il suo talento, la sua bravura e grande professionalità si è fatta conoscere in tutta la Corea del Sud, vendendo 440.000 copie del suo album, diventando così una stella. Nel settembre del 2002 pubblica “Time Honored Voice”vendendo oltre 470.000 copie di cui la canzone “A Good Person” si classifica al primo posto per ben due settimane su SBS Ingi Gayo, vincendo il premio principale al 17° Golden Disk e il Seoul Music Award. Park You Shin ha partecipato con i suoi album a diverse colonne sonore di film e programmi televisivi di successo. Nel 2011 svolge il servizio militare terminando il suo servizio nel 2012. Teatro musicale Ma Park Hyo Shin è anche un bravissimo attore teatrale, ha interpretato diversi ruoli. Nel 2000, lo spettacolo Frazione Rupestre, interpretando il ruolo di Frazione, presso il Ginnasio Jangchung; Nel 2013, nello spettacolo ELISABETTA, nel ruolo di Tod, presso il Centro Artistico di Seoul; Nel 2014, Park ha interpretato Wolfgang Amadeus Mozart nel musical Mozart! al Centro Sejong; Nel 2015, nello spettacolo IL FANTASMA DELL’OPERA, nel ruolo di Erik, presso la sala d’arte di Chungmu; Ripetendo nel 2016 e 2017, rispettivamente presso il Blue Square Samsung e presso Elettronics Hall. Nel 2019, nello spettacolo L’UOMO CHE RIDE, interpretando il ruolo di Gwynplaine, presso il centro artistico di Seoul. PARK HYO SHINE, è sicuramente un personaggio che ancora, grazie al suo talento e passione per l’arte e la musica, salirà sempre più in alto. Il nostro augurio è che possa continuare a realizzare i suoi sogni, noi continueremo a seguirlo e a godere della sua voce, sognando un mondo all’insegna dell’amore e della vita. Scriveremo ancora di Park Hyo Shin, con la speranza ed il sogno di poterlo un giorno intervistare dal vivo. (fonti Wikipedia)

Mettiti in contatto

Fondato da: Francesca Gallello

saturno.magazine@libero.it

(+39) Francesca 3383684998

© 06-2024 Design by Artvision.
All Rights Reserved.